Fanucci Editore

Beatrice Masini
La fine del cerchio

Il sonno
A svegliarlo fu il tintinnio degli alberi scossi: un rumore metallico, di cavi strofinati, ma sulla stessa tonalità, quasi una musica. Non capì subito dov’era. Il soffitto era stampato di righe...

Steve Bein
L'anno del demone

La sergente detective Oshiro Mariko trattenne il fiato per stringere meglio le cinghie a strappo del giubbotto antiproiettile. Quell’affare era maledettamente scomodo, e non solo dal punto di vista fisico. Dopo essere uscita dall’accademia...

Doris Lessing
Una donna armata - Esperimenti siriani

Sirius-Canopus. Antefatto
Chi scrive è Ambien II, dei Cinque. Ho iniziato a redigere un resoconto dei nostri esperimenti su Rohanda, conosciuto da Canopus in quest’epoca con il nome di Shikasta. Impiegherò il sistema di...

Jeaniene Frost
Vlad l’immortale

Non era la prima volta che mi risvegliavo come prigioniera. E non era nemmeno la seconda. Forse dovevo rivalutare le mie scelte di vita. L’esperienza mi diceva di non spalancare gli occhi né di alterare il respiro. Quindi, facendo finta...

John Gwynne
Malice - La guerra degli dèi

Anno 1122 dell’Era degli Esuli, Luna del Lupo
Le foglie morte del bosco crocchiavano sotto i piedi di Evnis e il suo fiato produsse una nuvoletta mentre sussurrava  un’imprecazione. Deglutì. Si sentiva la bocca asciutta...

Doris Lessing
Shikasta

Sono stato inviato in ricognizione nelle nostre Colonie situate su numerosi pianeti. Ho familiarità con ogni genere di crisi. Sono stato coinvolto in situazioni di emergenza che minacciano le specie, oppure in programmi locali ben pianificati....

Sergej Luk'janienko
Trix Solier - L'apprendista mago

Per un motivo a noi ignoto, Trix, l’unico erede legittimo del co-duca Rett Solier, era estremamente preoccupato del proprio
aspetto. Se ne stava lì impalato, davanti a un antico specchio opaco appeso da ben tre generazioni nella...

Frederik Pohl
La porta dell’infinito

Il mio nome è Robinette Broadhead, indipendentemente dal fatto che sono un maschio. Il mio analista (che io chiamo Sigfrid von Shrink, anche se non è il suo nome: non ha un nome, dato che è una macchina) prova un grande spasso...