WePub

Francesco Aquino
La gente di Sainte Sophie

«Che assurdità» esclamò il sindaco Bresson alle 14.30 del 18 agosto 1927, seduto sulla poltrona di pelle del soggiorno di casa sua, stringendo nella mano sinistra un raro esemplare di pipa di schiuma di mare color ambra e...

Filippo Loro
Body 2.0

Tre mesi in Chatvatar™, durante i quali parlare di sé e ascoltare l’altro attraverso una rappresentazione renderizzata e animata dei propri corpi: ecco la mia storia con Peter. Fino alla sera della vigilia della Dance Marathon,...

Valentina Coscia
La sentinella del golfo

«Siete matti».
Gli occhi scuri di Richeto si riducono a fessure. Giobatta, invece, arriccia le labbra e brontola: «Pensa quello che ti pare, Artibano. Chissenefrega. Ci stai o no?»
Almeno, il bestione ha visto...

AAVV
La piccola antologia degli orrori

Nella notte calda di inizio estate l’aria è attraversata da fili sottili e appiccicosi. Te li trovi sulla faccia e sei costretto a passarti le mani per toglierteli almeno dagli occhi.
Sono ragni neonati. Lasciano cadere nel vuoto...

Riccardo Savoldo
Lavori impossibili

 

Il panorama di New York è meraviglioso.
Dalle finestre del mio attico riesco ad abbracciare con lo sguardo tutto Central Park, tutti i grattacieli, gli aerei che mi passano accanto, le navi in lontananza cariche di...

Filippo Loro
Judith

Judith aveva un occhio, quello destro, un po’ più grande dell’altro. A volte. Sembrava quasi più gonfio. Sono cose che non accadono con le bambole, mi dicevo. Quando mi guardava mi sentivo osservato da due entità...

Carmelo Greco
Le stagioni di Cavabella

 

I pensieri sono appiccicosi, figli dello stesso lembo di sabbia e del medesimo sole che fanno attaccare la camicia alla pelle e costringono a boccheggiare. Sulla spiaggia i carabinieri, gli unici che indossano pantaloni scarpe e camicia...

Sergio Donato
È qui che dobbiamo stare

Appena usciti, Maria si aggrappò al braccio di Leonardo camminando a testa bassa. Percorsero il marciapiede lentamente.
Lui ascoltava i passi strascicati della moglie sul catrame bagnato.
«Dici che pioverà ancora?...