LA LEGGENDA DEL MAGO MERLINO E LA NASCITA DI ARTU' - 7

Torna alla gallery
LA LEGGENDA DEL MAGO MERLINO E LA NASCITA DI ARTU' - 7

- Lucifero vuol perdere l'umanità.
Quando il Nemico, Lucifero, che peccò d'orgoglio e fu maledetto, seppe che Nostro Signore Gesù Cristo aveva riscattato l'umanità tutta con il suo sangue, provò grande rabbia. E, radunata tutta la sua corte, così parlò agli arcidiavoli che gli stavano attorno attenti:
“Compagni miei di maleficio, dobbiamo cercare il modo per rendere inefficace quest'opera di salvezza, ma per quanto ci pensi, non riesco a trovare una via d'uscita. Dunque consigliatemi voi.”
Si alzò allora un demonio molto astuto.
“A parer mio,” disse, “dobbiamo far di tutto perché sulla terra nasca un uomo il quale sia della nostra stessa natura demoniaca e possa così distruggere tutto ciò che il Figlio di Colui che sta nei Cieli(disse così perché non poteva pronunciare il suo nome) ha fatto per salvare l'umanità. Solo così gli uomini saranno tutti dannati e varranno con noi a soffrire i nostri mali.”

- Il diavolo cavaliere.
Tutti approvarono questo discorso, e con gran cura fu scelto un demonio il quale divenisse sposo di una donna mortale e desse così vita alla creatura metà diabolica e metà umana che avrebbe dovuto condannare l'umanità alla rovina.
Ora, in un certo paese, c'era una fanciulla senza padre né madre, molto pia, che viveva soletta. E il Nemico la scelse per divenir madre di quel malvagio destinato a render vana l'opera di Gesù Cristo Nostro Signore. Fu mandato sulla terra il demonio scelto, e questi assunse la forma di un bel cavaliere che, incontrata la fanciulla un giorno che tornava dalla messa, si inchinò a lei facendole grande cortesia. La fanciulla rispose al suo saluto e tirò dritto. Ma il cavaliere demone continuò a starle appresso sempre cortesemente, e le disse che, per il grande amore che gli aveva ispirato, aveva deciso di prenderla come sua sposa; e i suoi modi erano così onesti che la fanciulla accondiscese alle nozze. Ma, appena fu nato loro un figlio, il cavaliere scomparve né fu più visto da alcuno.

Fonte testo e immagini: Il mio amico vol. 1, Enciclopedia per ragazzi, Garzanti, 1968