Commentari reali degli inca

Commentari reali degli inca
Commentari reali degli inca
2011

Incipit

Introduzione
Il mondo nuovo
Garcilaso de la Vega, soprannominato “l’Inca (el Inca)”,1 figlio naturale del nobile capitano Sebastián Garcilaso de la Vega Vargas appartenente alla seconda ondata (los segundos) dei conquistatori del Perù,2 e di una peruviana di sangue regale, la palla Chimpu
Ocllo (battezzata col nome cristiano di Isabel Suárez), cominciò a scrivere i Commentari reali degli Inca nel 1590, all’età di cinquantun anni (era nato a Cuzco il 12 aprile 1539).
Li concluse nel 1604, dopo averne scartato una prima stesura in cui, più che compilare una “storia” cultura incaica, aveva descritto i costumi, i riti, le cerimonie e le antiguallas. Fino al 1609, anno in cui i Commentari furono dati alle stampe a Lisbona, continuò ad apportarvi aggiunte e correzioni, servendosi soprattutto della cronaca lasciata incompiuta dal gesuita meticcio peruviano Blas Valera, morto nel 1597 o 1598; i papeles in questione erano andati in buona parte distrutti durante il sacco di Cadice a opera degli inglesi (1596). [...] prime 37 pagine del libro

ISBN 8845266621 - pagine 1024
 

Primi capitoli del libro di

Garcilaso de la Vega, Commentari reali degli inca, traduzione di Francesco Saba Sardi, Bompiani, 9 febbraio 2011
 

dal 17/02/2011