Il compagno di banco

Il compagno di banco
Il compagno di banco
2011

Incipit

Da ragazzo i miei prendevano sempre le mie difese, non importa quanto grossa l’avessi combinata.
Quando sfasciai la mia Sega Genesis nuova di zecca durante uno scoppio d’ira, diedero la colpa a Sonic, il videogame, per avermi fato arrabbiare. Quando persi il mio passaporto all’aeroporto, incolparono loro stessi per averlo afdato a me. Così, quando raccontai loro cosa mi aveva fato Elliot, fui piutosto sorpresodalla loro reazione.
«Forse si è tratato di un incidente», disse mio padre. «Gli incident capitano di contnuo».
«Io non credo sia stato un incidente», dissi.
«Sei sicuro di non essertelo immaginato?», chiese mia madre. «Hai un’immaginazione così fervida».
Fu difcile resistere al complimento.
«No», dissi. «Non è stata la mia immaginazione. Questa cosa è successa veramente».
Era la sera del Monopoli, e nonostante mio padre avesse appena lanciato un sete non aveva ancora mosso il suo carreto, che se ne stava lì, abbandonato sulla casella sbagliata. Alla fne, si alzarono tut e due e andarono in cucina.
«Ma’? Pa’?».
Non risposero, ma io riuscivo a sentrli parlotare tra loro al di là della porta. [...] prime 25 pagine del libro

ISBN: 978-88-541-2982-5

Primi capitoli del libro di

Simon Rich, Il compagno di banco, Newton Compton, 14 luglio 2011
 

dal 09/08/2011