Dopo tanta nebbia

Dopo tanta nebbia
Dopo tanta nebbia
2017

Incipit

Che Padova non era cosa per me c’era voluto poco a capirlo. Sarà stato per quell’umido che mi mortificava i capelli o per le mancanze che avvertivo come un peso sul petto: il sole, l’odore della focaccia a tutte le ore, il blu oltremare di Bari. O per il rumore bianco della mia città lontana. Quel rumore indefinito che è la somma di una lunga serie di suoni, la musica che sale alle finestre della questura e a quelle di casa mia. Una sequenza di note fatta di onde, clacson e sirene di navi giù al porto, delle grida al mercato del pesce, dei ragazzini all’uscita di scuola e dei troppi motorini con la marmitta truccata. Senza questa ninna nanna che cullava le mie notti, non riuscivo neppure a sognare. Era dalla prima notte padovana che la mia attività onirica era cessata completamente. Un vero dramma. Un po’ come se avessero chiuso l’unico cinema del paese. Leggi le prime 24 pagine pdf del libro

Primi capitoli del libro di

Gabriella Genisi, Dopo tanta nebbia, Sonzogno, settembre 2017

dal 26/09/2017