Eravamo tutti vivi

Eravamo tutti vivi
Eravamo tutti vivi
2018

Incipit

La morte cambia le cose dei vivi. Il giorno dopo aver visto Agnese, Chiara tornò al Liviano, dopo quasi vent’anni. Pomeriggio di nuvole e vento, la bicicletta bianca non ne voleva sapere di scorrere lungo la ciclabile. Chiara spingeva di gambe e di testa. Arrivò in piazzetta Capitaniato affannata. Le lauree, dottore dottore dal buso, piccoli cori vicino a ogni albero della piazza: le sorsate di bibitone alcolico durante la lettura obbligata del papiro, gli scherzi spiacevoli, uova, farina, marmellata a imbrattare il travestimento del neolaureato. Almeno sette ragazzi festeggiavano la fine degli studi. I papiri mostravano a caratteri grandi le scritte Archeologia e Dams, corsi che la facoltà ai suoi tempi nemmeno offriva. Chiara entrò nell’ampio atrio del Liviano, non ricordava quanto fossero pesanti le doppie porte vetrate d’ingresso, tirare e spingere, che molti anni prima aveva aperto quotidianamente. Leggi le prime 45 pagine pdf del libro

Primi capitoli del libro di

Claudia Grendene, Eravamo tutti vivi, Marsilio Editori, febbraio 2018.

dal 24/02/2018