Leggere Shakespeare a Kabul

Leggere Shakespeare a Kabul
Leggere Shakespeare a Kabul
2013

Incipit

L’aria del tardo pomeriggio era insolitamente calda per Kabul, soprattutto nel giardino dove ci trovavamo. Erano passati pochi giorni dal Nawruz, l’inizio del nuovo anno zoroastriano che cade il primo giorno di primavera. I mandorli erano in fiore, e il loro profumo delicato era accompagnato da una luce obliqua che filtrava da dietro una montagna bassa nelle vicinanze. Era il giardino di un nobile, creato un secolo e mezzo prima. Era racchiuso tra le ali di un palazzo vasto ed elegante che lo circondava su tre lati. Un alto muro chiudeva il quarto. Un paesaggio in miniatura di terrazze, balconi, piccole nicchie e scalinate maestose sembrava predestinarlo a grandi avvenimenti. Tutto, in quel parco, contrastava profondamente con la strada che lo costeggiava. prime 36 pagine del libro

ISBN 978-88-541-5232-8

Titolo originale: Shakespeare in Kabul

Primi capitoli del libro di

Qais Akbar Omar - Stephen Landrigan, Leggere Shakespeare a Kabul, Newton Compton, Traduzione di Maddalena Togliani e Elena Cantoni, 18 aprile 2013.

dal 18/04/2013