L'ultimo galeone

L'ultimo galeone
L'ultimo galeone
2013

Incipit

Il camion procedeva per le strade ghiacciate di Leningrado e il conducente aveva il suo da fare a tenerlo in carreggiata; solo l’uomo accanto a lui poteva sbirciare, di tanto in tanto, oltre il piccolo vetro alle spalle e tener d’occhio quanto avveniva dietro di loro. Erano in quattro nel retro del camion. Tre uomini di Zaporožec e il testimone. Il testimone era un uomo con qualche chilo di troppo, ma forte, abituato e allenato alla lotta perché il suo lavoro era fare la guardia del corpo. Lo stavano portando allo Smol’nyj dove Vorishilov, Molotov e Stalin in persona volevano chiedergli conto di come mai il giorno prima avesse fallito la sua missione. Era il 2 dicembre 1934. Non bastavano in due a tenerlo fermo e a soffocarne la voce. Il terzo uomo aveva una Mauser nuova fiammante, ma non gli sparò. Calò violentemente il calcio dell’arma sulla sua testa. Il testimone si divincolava, disperato e inferocito al tempo stesso. Leggi le prime 48 pagine del libro

Finalista XXV edizione Premio Italo Calvino

Primi capitoli del libro di

Eugenio Giudici, L'ultimo galeone, Castelvecchi Editore, 28 agosto 2013.

dal 01/09/2013