La maledizione libertaria

La maledizione libertaria
La maledizione libertaria
2014

Incipit

Questa vuole essere una narrazione. Una narrazione sul filo della memoria e di pochi documenti ritrovati in alcune vecchie scatole lise dal tempo, stipate di ritagli di giornale, fogli ingialliti di appunti, relazioni, vecchie fotografie: coriandoli di una vita vissuta. Una narrazione che abbraccia un periodo importante della mia esistenza, segnato da avvenimenti che si sono intrecciati indissolubilmente con le vicende politiche, culturali e sociali della Sardegna. Non una semplice cronaca e neanche una cronistoria e tanto meno una biografia scritta in prima persona. Una narrazione che guarda al passato e cerca di raccontarlo con gli occhi di oggi, nella segreta speranza di poter ricavare un’esperienza da utilizzare nel presente e forse per aiutare a costruire quello che rimane del futuro. Nessuna velleità o segreta illusione di utilizzare la narrazione per poter lasciare un segno di sé o del proprio passaggio su questa terra né, tanto meno, di sperare che i pensieri di una vita possano sopravviverci. Narrare il passato è, però, un elemento indispensabile per dare un senso alla vita. D’altronde chi rinuncia a raccontare rischia di vivere un eterno presente e di rimanere schiacciato dall’oggi, perdendo di vista così il significato e il senso della propria esistenza. La narrazione è ovviamente soggettiva poiché ciascuno di noi guarda il passato con i propri occhi. La mia è una narrazione di parte, per cui è del tutto velleitario cercare negli avvenimenti da me raccontati una traccia di obiettività: è, infatti, la mia ricostruzione...leggi le prime 31 pagine del libro pdf

ISBN: 978 88 8467 865 2

Primi capitoli del libro di

Massimo Dadea, La maledizione libertaria. Il racconto di una passione, Cuec editrice, aprile 2014.

dal 03/04/2014