Povero cuor di donna

Povero cuor di donna
Povero cuor di donna
2013

Incipit

Venerdí 4 luglio 1947
Santa Elisabetta
Il sole sorge alle 5:39, tramonta alle 20:48 La donna la trovarono di mattina presto, un po’ fuori Porta San Sebastiano, proprio all’inizio dell’Appia Antica. La trovò una ragazzina, era arrivata fin lí con la nonna per fare cicoria, tanto per mettere insieme una miseria di pranzo. Doveva andare a fare pipí, la creatura, e s’era allontanata dalla strada, a quell’ora non passava nessuno, ma non si può mai sapere, e s’era appena inoltrata fra i cespugli. “Sbrighete però, voglio tornà a casa prima che viè l’afa”. La nonna la sentí cacciar fuori un suono strano, un grido strozzato che non si capiva bene se s’era punta con l’ortica o aveva visto una bestia curiosa, quella creatura s’impressionava con niente. Poi però s’era messa a urlare come una pecora allo scannatoio. prime 14 pagine del libro

ISBN 978-88-7452-432-7

Primi capitoli del libro di

Paola Campanini, Povero cuor di donna, Nottetempo editore, 4 luglio 2013.

dal 01/07/2013