Sotto

Sotto
Sotto
2013

Incipit

“Il tema si fa da soli, per l’orale invece si telefona.” La prima volta che Alba sente parlare della segnalazione è con queste parole. Apprendendo, contestualmente, che il dottorato costituisce titolo preferenziale, ma non è indispensabile affatto a conseguire la docenza, e, anzi, non è decisivo, visto che dopo l’istituzione dei contratti nazionali il singolo ateneo tende ad affidare incarichi provvisori ai cosiddetti esperti (motivati, ma senza pretese), piuttosto che al cupo personale in via di incardinamento: ambizioso, frustrato e ostinatamente fedele ai modi tradizionali della formazione universitaria (il dottorato, appunto), non più al passo coi tempi.Alba il tema l’ha fatto da sola (ovvero senza alcuna soffiata: si presume che fosse questo il senso recondito dell’ammonimento preliminare); la traccia non era difficile, e sembrava invece particolarmente indicata per chi, come lei, avesse inclinazioni teoriche ma meno passione per il commento dei testi: Il rapporto tra pensiero ed opera in un autore a scelta del Novecento italiano. La sua, di scelta, ricade su Pavese, che, come Leopardi, ha tenuto un diario, una specie di Zibaldone in minore, e del rapporto tra questi pur non illuminati appunti con le opere c’è così tanto da dire che ha riempito quasi cinque fogli. Leggi le prime 30 pagine del libro

Primi capitoli del libro di

Gilda Policastro, Sotto, Fandango Libri, 23 settembre 2013.

dal 05/10/2013