Le streghe di Lenzavacche

Le streghe di Lenzavacche
Le streghe di Lenzavacche
2016

Incipit

La prima volta in cui ti vidi eri talmente imperfetto che pensai che nonna Tilde avesse ragione. Avrei dovuto mettere sotto la tua culla otto pugni di sale, bere acqua di pozzo e invocare le anime del purgatorio. Poi dire tre volte: «Maria Santissima abbi pietà di lui», affidarti alle mani del primo angelo in volo e assicurarti al collo una catena della buona morte.
Non lo avevo fatto.
D’altra parte eri un imprevisto, e con gli imprevisti non si allestiscono scongiuri e preparativi.
Al più qualche rimedio per i tuoi occhi allungati, la fronte bitorzoluta, il broncio spellato dalle troppe spinte. Nonna Tilde ti ha guardato scettica ed è corsa a chiamare un sacerdote pontificando che solo gli esorcismi ti avrebbero salvato dalla malasorte. Poi ti ha sciacquato dal sangue del parto, ti ha sistemato sul mio seno ed è sparita per andare a seppellire la placenta sotto il vecchio noce. Leggi le prime 23 pagine pdf del libro
- Libro candidato al Premio Strega 2016. Presentato da Paolo Di Stefano e Romana Petri

Primi capitoli del libro di

Simona Lo Iacono, Le streghe di Lenzavacche, Edizioni e/o, aprile 2016.

dal 26/05/2016