Tutti pazzi per Gaia

Tutti pazzi per Gaia
Tutti pazzi per Gaia
2014

Incipit

Eccomi qui. Due ore dopo un lungo make-up, tamponato a ripetizione (causa sudore), tre confezioni di ciglia finte monouso andate a finire nel cestino accanto al wc, tre cambi outfit nella spasmodica ricerca della cintura oro, due foglie d’insalata trangugiate durante l’operazione chiusura tapparelle e altri infissi, una fila interminabile alla fermata dei taxi sotto casa (causa pioggia torrenziale fino a tardo pomeriggio), un’altra lunga attesa davanti al Byblos, locale di grido frequentato da playboy, francobolline, finti politici, finti brizzolati, finti transessuali, o più comunemente tamarre dallo stacco di coscia alto come me, finti interessati alla movida cittadina. E, quindi, io. Incolonnata maldestramente, disordinatamente, come un topolino in fuga da un incendio nelle fogne di una grande metropoli, di quelle dove esce il fumo dai tombini, davanti al buttafuori incarognito con il mondo, ma non con il potere. Quel potere. Quello che stabilisce solo dalla faccia che hai, o da quanto frequenti il locale, o da quanti finti brizzolati ti ci hanno portato negli annali, e quindi conosci la trafila, se puoi entrare o no...leggi le prime 30 pagine del libro pdf

Primi capitoli del libro di

Stefania Nascimbeni, Tutti pazzi per Gaia, Leggereditore, maggio 2014.

dal 02/06/2014