Ulisse

Ulisse
Ulisse
2012

Incipit

Il 2 febbraio 1922 usciva a Parigi, presso la Shakespeare & Company di Sylvia Beach, un libro che nelle intenzioni del suo autore avrebbe cambiato le sorti della letteratura contemporanea: Ulisse di James Joyce. La pubblicazione del voluminoso e strano romanzo – è Joyce stesso a chiamare la sua opera unicamente novel – suscitò sin dall’inizio le reazioni più disparate, dall’entusiasmo di molti (tra cui Emilio Cecchi, il primo a recensirlo per il pubblico italiano) a vere e proprie sonore stroncature. Dopo averne tentato una prima lettura, Virginia Woolf commentava così nel suo diario:

I primi 2 o 3 capitoli – fino alla fine della scena al cimitero – mi hanno divertito, stimolato, affascinato; e poi interdetto, annoiato, irritato e disilluso, come di fronte a un disgustoso studente universitario che si schiaccia i brufoli. E Tom, il grande Tom lo considera paragonabile a Guerra e pace! Mi pare [...] il libro di un proletario autodidatta, e lo sappiamo tutti quanto siano angoscianti, egotistici, insistenti, grezzi, scioccanti e dunque nauseabondi. Quando puoi avere la carne cotta, perché sceglierla cruda? Ma quando sei anemico, credo, come Tom, sei capace di gloriarti del sangue. [...]  prime 19 pagine del libro

ISBN: 9788854135956

Primi capitoli del libro di

Jame Joyce, Ulisse, a cura di Enrico Terrinoni – Traduzione di Enrico Terrinoni con Carlo Bigazzi, Newton Compton Editori, gennaio 2012

dal 11/02/2012