Vita di scorta

Vita di scorta
Vita di scorta
2017

Incipit

1984 Quel pomeriggio di giugno davanti al nostro palazzo della periferia di Skopje io, Srebra e Roza giocavamo a un gioco completamente nuovo: la premonizione del destino. Con un gessetto bianco, sul cemento rovente della discesa che portava ai garage degli inquilini, disegnavamo dei quadrati e dentro vi scrivevamo il numero corrispondente all’età che avevamo scelto per sposarci. Non avevamo nessun dubbio sul fatto che stessimo attirando l’attenzione di tutti i passanti, specialmente quella degli inquilini; ci conoscevano molto bene e se ne stavano seduti sui balconi oppure in piedi davanti alle finestre aperte del palazzo: io e mia sorella eravamo gemelle, gemelle siamesi con le teste attaccate, unite all’altezza delle tempie, subito sotto il mio orecchio sinistro e quello suo destro. Leggi le prime 56 pagine pdf del libro

Primi capitoli del libro di

Lidija Dimkovska, Vita di scorta, traduzione dal macedone di Mariangela Biancofiore, Atmosphere libri, 25 gennaio 2017

dal 23/01/2017