XY

XY
XY
2010

Incipit

Il destino non è invisibile
Borgo San Giuda non era nemmeno più un paese, era un villaggio. Settantaquattro case, di cui più della metà abbandonate, un bar, uno spaccio di alimentari e la chiesa con la sua canonica – spropositate, in confronto al resto. Fine. Niente giornalaio, niente barbiere, niente pronto soccorso, niente scuola elementare: per tutto questo, e per gli altri frutti della civiltà, bisognava andare a Serpentina, oltre il bosco, oppure a Doloroso, a Massanera, a Gobba Barzagli, a Fondo, a Dogana Nuova, o addirittura giù a Cles. Però c’era un fabbro, per dire, Wilfred, che faceva i chiodi a mano e sembrava Mangiafuoco, e un cimitero con oltre trecento tombe. Vivere lì non aveva senso, ma ci vivevamo in quarantatre – anzi, in quarantadue, da quando era morto il vecchio Reze’. Era un posto che non esisteva quasi, e nessuno riuscirà mai a capire perché quello che è successo sia successo proprio lì, dove non succedeva niente.
Succedeva una cosa sola [...] primo capitolo del libro

ISBN 978-88-6044-181-2

Vincitore Premio Superflaiano 2011

Primi capitoli del libro di

Sandro Veronesi, XY, Fandango Libri,  21 ottobre 2010

dal 03/12/2010

Commenti

Amo la scrittura si Sandro

Amo la scrittura si Sandro Veronesi, anche nei suoi lavori meno riusciti. Questo, a mio modesto parere, è uno di quelli. Inizia con una folgorazione, una descrizione impeccabile, un evento che non ti scolla le dita dalle pagine... ma poi non decolla. O meglio, a me non ha fatto decollare. Nonostante trovi ammirevole la capacità di sondare gli animi umani con pagine e pagine di pensieri torrentizi, non mi ha convinto questa sospensione simile ai film di Shyamalan, che ti lasciano così, senza una reale e motivata spiegazione a ciò che accade, a ciò che ci accade.