Zio vampiro

Zio vampiro
Zio vampiro
2010

Incipit

I miei genitori l’hanno sempre preferita a me. D’altra parte, non posso dar loro torto. È un tesoro, lei.
La chiamano Gioia. Me, invece, mi chiamano sempre per nome.
Siamo molto vicine, noi due. Gemelle: immagini speculari. Quasi riusciamo a leggerci nel pensiero. Di solito è una gran bella cosa, ma certe volte è un guaio. Una famiglia può diventare come un fragile, inestricabile groviglio di rovi. Succede, quando al centro di tutto c’è un segreto. A volte il segreto le punge gli angoli della mente, ma Gioia lo scaccia: lei vuol essere felice, avere una vita perfetta.
«Non puoi fingere che non succeda» le dico.
«Cos’è che non succede?»
Gioca a fare la finta tonta. Ultimamente, la cosa mi fa infuriare. [...] primo capitolo del libro

ISBN 978-88-6256-230-0

Titolo dell’originale: UNCLE VAMPIRE

recensione del libro (Stefano donno APRI un LIBRO) - recensione del libro (Green Yellow Ale) - recensione del libro (Rossella Melis, Liceo Scientifico Statale G. Marconi, Sassari)

definizione di pedofilia e abuso  (MOIGE, Movimento Italiano Genitori)
 

Primi capitoli del libro di

Cynthia D. Grant, Zio vampiro, traduzione di Angela Ragusa, Salani Editore, 3 giugno 2010
 

dal 02/06/2010

Commenti

COMMENTO postato nel blog da

COMMENTO postato nel blog da un utente ANONIMO
"Ho adorato questo libro!
Ho lettoio vampiro quando avevo solo dieci anni e mi ha profondamente turbata, al punto di depauperare pure me delle energie. (a volte non riuscivo a reggere il volume tanto mi indebolivo durante il processo di immdesimazione in Carolyn) mentre andavo avanti nell'intreccio. Ero piuttosto piccola, però, e non avevo compreso moltissime cose della trama(geniale) che mi sono drammaticamente diventate chiare con il tempo.
Trovo che tutti debbano leggerlo, soprattutto i giovanissimi per capire...che i vampiri...quelli veri, quelli orrendi e disgustosi...quelli che fanno davvero paura e che sono in mezzo a noi e distruggono le vite dei ragazzi, vanno davvero portati alla luce prima che sia troppo tardi.