AutodifesaCaino.jpg
 

Autodifesa di Caino

Autore: 

Andrea Camilleri

Editore: 

Sellerio

Anno: 

2019

Traduttore: 

Numero Pagina: 

9

Siccome in una parte dell’Eden c’era della creta, ne prese un po’ e con essa sagomò il primo nanetto. Poi ne fece un altro. Poi un altro ancora. Insomma, secondo la tradizione ne fece dodici. E li dispose in varie parti del suo giardino.
Si mise a osservarli, ma invece di restarne contento venne assalito da un nuovo disagio. Il fatto era che quelle statuine non si “cataminavano” e in mezzo ad uccelli che volavano, serpenti che strisciavano, daini che correvano, fiori che sbocciavano, la loro immobilità gli dava fastidio.
Allora disse:
«Ora vado a dargli la vita».
Alle sue spalle sentì che gli angeli parlottavano tra di loro.
«Cos’hanno da dire?» domandò a Michele.
«Signore, dicono che non è cosa».
«Non è cosa, cosa?».
«Rendere vivi i nanetti».

Ritratto di Giovanni Pisciottano

Andrea Calogero Camilleri (Porto Empedocle, 6 settembre 1925)