Canti
 

Canti

Autore: 

Giacomo Leopardi

Editore: 

Einaudi

Anno: 

2016

Numero Pagina: 

83

-Ultimo canto di Saffo-

Placida notte, e verecondo raggio
della cadente luna; e tu che spunti
fra la tacita selva in su la rupe,
nunzio del giorno; oh dilettose e care
mentre ignote mi fur l'erinni e il fato,
sembianze agli occhi miei; già non arride
spettacol molle ai disperati affetti.
Noi l'insueto allor gaudio ravviva
quando per l'etra liquido si volve
e per li campi trepidanti il flutto
polveroso de' Noti, e quando il carro,
grave carro di Giove a noi sul capo,
tonando, il tenebroso aere divide.

Ritratto di FrancescaSS83

Ciao Staff, grazie mille!

Ritratto di Staff

Ciao Francesca, sei nella classifica finale del mese di marzo, 10 righe scelte da Voi utenti.