9788845274176_0_0_519_75.jpg
 

Così ho vissuto

Autore: 

Boris Pahor - Tatjana Rojc

Editore: 

Bompiani

Anno: 

2013

Traduttore: 

Martina Clerici, Marinka Pockaj, Tatjana Rojc

Numero Pagina: 

185

Dapprima Capodistria, poi Gorizia, e quindi il ritiro dallo studio di Teologia nel 1938. E ora una nuova sfida che pone Pahor di fronte a nuovi orizzonti, a una diversità sconosciuta: l'Africa. E inizia il suo itinerario come un nomade, come un vagabondo. Cercando la propria oasi. Con un continuo partire per tornare, in una ricerca perenne: l'Ulisse triestino.
Nel 1938 Pahor entra per la prima volta in un rapporto paritario con i giovani sloveni, conosce molti triestini e fa amicizia con loro, anche se i tempi sono estremamente difficili.
Dopo il Trattato di Rapallo anche Pahor diventa cittadino italiano e deve adempiere agli obblighi impostigli dallo Stato di appartenenza: l'attestato degli studi seminariali aveva valore solo per l'iscrizione alla facoltà di Teologia.

Ritratto di arispacifico

Boris Pahor - Trieste, 26 agosto 1913