gli schifosi.jpg
 

Gli schifosi

Autore: 

Santiago Lorenzo

Editore: 

Blackie Edizioni

Anno: 

2020

Traduttore: 

Bruno Arpaia

Numero Pagina: 

107

Con lo stomaco pieno, le ossa al caldo e la testa stipata, a Zarzahuriel si sentiva in salvo. Non già dalle forze di polizia, ma da tutto il mondo, dal quale si era distaccato con il suo isolamento santificante. Una separazione nel cui laborioso tempo libero e nella cui diligente pigrizia si sentiva come se stesse dando uno scacco matto incontestabile, e più contento di un paio di nacchere che nessuno aveva motivo di sentire. Il suo essere sociale era un fu sociale. Si suppone che la solitudine sia il grande male che affligge l’uomo contemporaneo. A lui sembrava sempre poca. Mordicchiava quella che aveva e ne chiedeva di più, per conservarla, per risparmiarla, per dilapidarla in continuazione, come chi vuole più cioccolatini, più sigarette, più vacanze. Come chi desidera più amici e più amore, così il signor Manuel era avido di più nessuni e di meno qualcuni.