41Qq62D8ghL._SX318_BO1,204,203,200_.jpg
 

Il cacciatore di aquiloni

Autore: 

Khaled Hosseini

Editore: 

Piemme

Anno: 

2004

Traduttore: 

Isabella Vaj

Numero Pagina: 

200

Riagganciai il ricevitore e rimasi a osservarlo come inebetito. Solo quando Aflatoon abbaiò, facendomi sobbalzare, mi resi conto del silenzio che avvolgeva la stanza. Soraya aveva tolto l'audio alla televisione.
"Sei pallido Amir" mi disse dal divano su cui era sdraiata lo stesso che ci avevano regalato i suoi genitori. Aveva le gambe nascoste sotto i cuscini logori e la testa di Aflatoon sul petto. Stava correggendo i temi degli studenti - insegnava nella stessa scuola ormai da sei anni - e intanto seguiva un documentario sui lupi del Minnesota. Si mise a sedere e Aflatoon saltò giù dal divano. Era stato il generale a battezzare il nostro cocker spaniel con il nome farsi di Platone, poichè, sosteneva, i suoi occhi neri erano senza dubbio spia di pensieri profondi.