Monologhi impossibili
 

Monologhi impossibili

Autore: 

Carlo A. Borghi

Editore: 

Arkadia Editore

Anno: 

2018

Numero Pagina: 

25

Corpo eretico, corpo blasfemo e corpo di strega, questo sarei stata per gli Inquisitori e pensare che ero al culmine dei miei successi. Carlo VII mi aveva attribuito una vera insegna nobiliare e araldica, con spada, gigli e corona, compresa la possibilità di trasmettere il titolo anche per via ereditaria femminile.
Un bel colpo, per una donzelletta di campagna. Tanti mi hanno invidiata e calunniata per questo.
Così, mio padre e mia madre che erano poveri contadini, si erano ritrovati nobili. Se avessi fatto figli, anche loro sarebbero stati nobili di nomina reale ma io sono rimasta un giglio casto e puro, come avevano diagnosticato le nobildonne di corte che avevano esaminato le mie parti intime, per conto dei giudici mentre ero sotto processo.