6170aDIV0SL.jpg
 

Perchè l' Italia amò Mussolini ( e come è sopravvissuta alla dittatura del virus)

Autore: 

Bruno Vespa

Editore: 

Mondadori

Anno: 

2020

Traduttore: 

Numero Pagina: 

183

"Il giorno 2 ottobre 1935-XIII- in ogni città d' Italia, in ogni piccolo centro, da un capo all' altro della penisola - il suono delle sirene, la radio, le campane a stormo, alle ore quindici precise avvertirono che il popolo italiano era mobilitato. Ogni lavoro fu interrotto e tutti corsero all' appello. La radio portò in ogni parte d' Italia la voce del Duce". Così la solenne introduzione che l' editore milanese Hoepli dedicò alla pubblicazione del discorso in cui Mussolini annunciava la campagna d' Etiopia.
Erano le 18:45 quando il Duce si affacciò al balcone della Sala del Mappamondo di Palazzo Venezia. Parlò per venticinque minuti alla folla che nereggiava sulla piazza, "la più vasta adunata di popolo che la stessa Roma avesse mai veduto" "Ascoltate! Un' ora solenne sta per scoccare