Perelandra.jpg
 

Perelandra

Autore: 

C.S. Lewis

Editore: 

Adelphi

Anno: 

2014

Traduttore: 

Germana Cantoni De Rossi

Numero Pagina: 

26

Poi, come da un altro mondo, mi giunse il cigolio della porta che si apriva e un rumore di stivali sullo zerbino, e nel vano della porta vidi stagliarsi sullo sfondo grigio della notte una figura in cui riconobbi Ransom. La riga di luce parlò di nuovo con quella voce che non era una voce, e Ransom, invece di muoversi, rimase immobile e rispose. Tutti e due parlavano in una strana lingua polisillabica che non avevo mai sentito prima. Non cercherò scuse per i sentimenti che provai quando sentii il suono non umano rivolgersi al mio amico e il mio amico rispondere in quel linguaggio non umano. Sono sentimenti imperdonabili; ma se vi sembrano poco verosimili in una situazione del genere, devo dire senza peli sulla lingua che non conoscete bene né la storia né il vostro cuore.

Ritratto di Giovanni Pisciottano

Clive Staples Lewis, più conosciuto come C. S. Lewis (Belfast, 29 novembre 1898)