20191107164530_313_cover_alta.jpg
 

T. Singer

Autore: 

Dag Solstad

Editore: 

Iperborea

Anno: 

2019

Traduttore: 

Maria Valeria D'Avino

Numero Pagina: 

10

Era stata la presenza dello zio a suscitare il senso di vergogna. Non la risata in sé, ma il fatto d'essere osservato. Da qualcuno che lo conosceva e che era rimasto stupito. Stupito dalla voce forzata di Singer, dal modo in cui rideva. Stupito che Singer, che lui conosceva così bene, all'improvviso, pensando che nessuno lo vedesse, si fosse prodotto in una risata tanto orribile e falsa. A voce troppo alta. Forzata. Sorpreso in flagranza di risata artificiosa. Un bambino. Sorpreso e denudato. Sperò che lo zio non raccontasse niente a casa. Anche se si sarebbe sentito solo ferito, non imbarazzato, se il padre avesse saputo di quella risata, tuttavia sperò con tutte le forze che lo zio non raccontasse niente a casa. Perché sapeva quello che avrebbe detto.

Ritratto di Paola Lorenzini

Dag Solstad è nato a Sandefjord, in Norvegia, il 16 Luglio 1941.