SaraMDG.jpg
 

Una lettera per Sara

Autore: 

Maurizio De Giovanni

Editore: 

Rizzoli

Anno: 

2020

Numero Pagina: 

141

Non ricordo se quel pomeriggio rimanesti preda dell'ansia. Non ricordo se ti chiudesti nel tuo ufficio, per non permettere che noi studiassimo il tuo volto, che io intuissi ciò che si agitava dentro di te. Aspettavo la fine del turno per tornare dal mio bambino, che non ebbi scrupoli ad abbandonare quando decisi che amavo te, e che solo te avrei amato per il resto della vita. Le emozioni sui visi degli altri, per me, sono come fotografie, e quella pena non ha più offuscato il tuo volto. Antonino Lombardo non è più tornato nella tua vita e non è mai entrato nella nostra. Amore mio, spiegamelo, qui e ora, nel nostro posto: com'è possibile che fossi tanto turbato da un uomo che non hai più visto? Un clacson strombazzò, e Sara ebbe un sobbalzo.

Ritratto di CiroCerullo

Buona sera a tutti, scelgo le 10 righe di Claudio Rocca: -L'amante di Lady Chatterley.

Ritratto di Staff

Ciao Ciro, sei nella classifica settimanale del mese di giugno. Scegli 10righe che più ti piacciono da lunedì giugno a domenica 14 giugno. Riportando qui nei commenti il nome dell'utente e il titolo del libro.