ocampo.jpg
 

Un'innocente crudeltà

Autore: 

Silvina Ocampo

Editore: 

La Nuova Frontiera

Anno: 

2010

Traduttore: 

Francesca Lazzarato

Numero Pagina: 

22

Le persone grandi, quando sono piccole, molto piccole, somigliano a noi; a noi, si capisce, quando siamo stanchi: hanno le rughe sul viso, le borse sotto gli occhi, e parlano in modo vago, mescolando varie lingue. Un giorno mi hanno scambiato per una di queste creature: meglio non ricordarlo. Ora scopriamo gli impostori con più facilità. Stiamo sul chi vive, per cacciarli dalla nostra cerchia. Siamo felici. Credo che siamo felici. […] A preoccuparci non è tanto il pericolo che i nostri genitori occupino il posto che ci hanno concesso, cosa che mai gli permetteremo, perché, prima di consegnarglieli, romperemo le nostre macchine, distruggeremo le centrali elettriche e gli acquedotti; ci preoccupa la posterità, il futuro della specie.

Ritratto di Staff

Ciao Eagledolvis le tue 10righe sono nella classifica di settembre, 10righe scelte dalla reazione.