9788811366164_0_536_0_75.jpg
 

Vortice

Autore: 

Alfredo Oriani

Editore: 

garzanti

Anno: 

2003

Numero Pagina: 

46

Le campane della sera disperdevano il proprio gemito nel silenzio delle lontananze, come un'invocazione saliente dalla terra dinanzi al terrore delle tenebre, che stavano per sommergerla nell'agonia di tale fine, che non aveva mai avvertito prima di allora, gli parve che la morte sfiorasse tutte le cose. Quanto era succeduto in quel giorno, non succederebbe più, era già perduto irrevocabilmente dove tutto si perde, ciò che fu e ciò che dovrà essere, perché la vita non è appunto che una evanescenza, un suono di suoni, un'ombra di ombre vagolanti in un infinito infinitamente remoto. La sua anima si ravvolse nel lungo brivido di quella solitudine, che solamente il pensiero avrebbe potuto riempire. Poi il crepuscolo si oscurò ancora, le prime stelle spuntarono dalla volta del cielo,

Ritratto di Staff

Ciao Barbara, sei nella finale di maggio, 10righe scelte da Voi utenti.

Ritratto di Barbaraa

Nacque a Faenza il  22 agosto 1852.