Donatella Di Pietrantonio

 

Bella mia

Editore: 
Anno: 

Siede al suo posto con la testa capellona sul piatto, il vapore del brodo gli dilata i brufoli e piega i peli lunghi e sottili che spuntano senza progetto in attesa di diventare barba. Dal rumore delle posate credo ci stia lavorando, invece mangia troppo poco. Rimesta a lungo con il cucchiaio e lo porta alla bocca semivuoto. Evita i nostri occhi, sa che lo guardiamo e gli contiamo le proteine...

 

Mia madre è un fiume

Editore: 
Anno: 

Certi giorni la malattia si mangia anche i sentimenti. È un corpo apatico, emana l’assenza che lo svuota. Ha perso la capacità di provare. Allora non soffre, non vive.
Le visite di controllo servono a me. Mi rassicurano, non l’ho ammalata io e l’evoluzione è lenta. Alcune abilità sono in parte conservate. L’accompagno, mi occupo di lei, sono una figlia sufficientemente buona.
Il...

Ritratto di claudia maltese

sembra bello davvero, metto in wishlist (e magari do un suggerimento allo staf *coff coff*)

Ritratto di wolfangol

Scrittura intensa e diretta, soprattutto quando descrive aspetti legati a sentimenti profondi intrecciati a percorsi di dolore e sofferenza.
Significative le prime righe che introducono ad uno scenario dove la sofferenza, la speranza e l'amore creano un vortice tanto intenso quanto incontrollabile. La vita come una partita a carte, imprevedibile sino all'ultima mano da giocare.

Ritratto di raquel21

ACCODA LA FRASE
USCIAMO
"Usciamo che é già buio. L'odore sconosciuto del mare le arriva in goccioline minute, le domando se lo sente. Risponde con un monosillabo e continua, chiusa e ostile" (pag. 113)
OSTILE

Ritratto di raquel21

ACCODA LA FRASE
"A piedi" (commento)
A piedi si può percorrere il mondo, se la voglia e la curiosità ti accompagnano, ma a piedi con i migliori amici, o con la famiglia o con il nostro innamorato, felici, usciamo.
USCIAMO

Ritratto di raquel21

ACCODA LA FRASE
L'ATTESA
"L'attesa del ritorno era nell'aria per settimane, tu sorridevi sempre, persino il nonno era meno agro, i cani in allerta. Ed eccoli, la sera, stremati dal viaggio in treno, autobus, machine di piazze, l'ultimo tratto a piedi." (pag. 71)
A PIEDI (COMMENTO)