download (7).jpg
 

Le palline di zucchero della Fata Turchina

Autore: 

Piero Dorfles

Editore: 

Garzanti

Anno: 

2018

Numero Pagina: 

145

Mastro Ciliegia e Geppetto sono poverissimi, ma dignitosi,"bizzosissini", fieri persino. Duro, nel suo modo di essere, ma consapevole dei suoi diritti il contadino dell'uva moscatella che mette Pinocchio alla catena; imbestialito, il compratore del ciuchino-Pinocchio azzoppito, quando invece della pelle d'asino tira su un burattino vispo e loquace; giuste, nella loro laboriosità, le persone alle quali Pinocchio chiede (vergognosamente) la carità, rifiutandosi di lavorare; scandalizzato, all'idea che Pinocchio potesse avere per compagno di scuola un ciuchino, l'ortolano Giangio, esoso ma onesto, che si ribella all'idea che Pinocchio si commuova per la morte d un asino che non ti costa nulla, mentre lui sì che ne ha diritto a essere triste, visto che l'ha comprato a "quattrini contanti".

Ritratto di Natalina

Un grande grazie a voi...scusate i pasticci....naty

Ritratto di 10 righe dai libri

Grazie Naty, abbiamo corretto Smile

Ritratto di Natalina

Titolo del libro ..Palline di zucchero della Fata Turchina.

Piero Dorfles ,scrittore,giornalista ,critico letterario ,cinduttore televisivo,della trasmissione :Per un pugno di libri,nato a Trieste il 29,12,1946.

Ritratto di Natalina

Piero Dorfles ,nato a Trieste  il 29 .12.1946 Giornalista ,critico letterario scrittore,conduttore in tv...trasmissione :Per un pugno di libr.

Ritratto di Natalina

Piro Dorfles nato a Trieste il 29.dicembre del 1946 Girnalista,critico letterario ,conduttore di ...Per un pugno di libri!!!

Scrittore!

Ritratto di Natalina

.....Ci sono dunque due modi,per essere poveri.Uno vergognoso,dei poveri di città,e uno dignitoso,dei poveri di campagna.Una visone unpo' ingenua ,prepolitica,diremmo noi,che potrebbe trovare la sua origine nelle esperienze personali dell'autore,ma che  qui vede prevalere l'etica del lavoro rispetto a quella della carità,la vergogna dei fallimenti,contrapposta al rispetto sociale che merita l'onesto lavoratore,anche se disoccupato.