FugaBerlino.jpg
 

Fuga da Berlino

Autore: 

Paolo Chiappero

Editore: 

Mondadori

Anno: 

2018

Traduttore: 

Numero Pagina: 

50

«Allora, che cosa mi dice?».
Giacomo rimane impassibile, anche se vorrebbe lanciarsi su quel piatto e sbranarlo. Eppure sa che questa sarebbe una resa, vorrebbe dire passare dalla loro parte. Per evitare quella tentazione, fissa la porta che dà sul cortile, da dove può osservare Gardella e Scarlatella che spostano con fatica una cassa di munizioni nel fango.
«Allora? Vuole rispondermi? Parli!».
Ancora niente.
«Lei è un imbecille! Un povero idealista!», sbotta Kessler, spazzando via il piatto. «Raus, raus. Via, fuori di qui!».
Nella stanza entra l’attendente. Giacomo saluta: «Heil Hitler!». Poi si gira ed esce spintonato dal piantone.
Appena giunto sull’uscio, arriva l’ultimo conato del comandante: «Null drei eins zwei eins, lei è un uomo morto. Kaputt, kaputt!».

Ritratto di Giovanni Pisciottano

Paolo Chiappero (Pinerolo, 26 marzo 1966)