borgo sud.jpg
 

Borgo Sud

Autore: 

Donatella Di Pietrantonio

Editore: 

Einaudi

Anno: 

2020

Traduttore: 

Numero Pagina: 

9

Non la vedevo da più di un anno, mia sorella.
Da ragazzine eravamo inseparabili, poi avevamo imparato a perderci. Lei era capace di lasciarmi senza notizie di sé per mesi, ma mai così a lungo. Sembrava ubbidire a un istinto nomade, quando un posto non le conveniva più, lo abbandonava. Nostra madre glielo diceva, ogni tanto: tu sei una zingara. Anch'io poi lo sono stata, in un altro modo. E' entrata in fretta, con una spinta del piede all'indietro si è richiusa la porta alle spalle. Così le è caduta una delle ciabatte che calzava ed è rimasta per terra a rovescio. Il bambino le dormiva in braccio, le gambe nude e inerti lungo il corpo magro di Adriana, la testa sotto il suo mento. Era il figlio, e io non sapevo che le era nato. Non immaginavo la rivoluzione che stava per cominciare, se l'avessi prevista li avrei forse lasciati fuori.