Lettere a Lucilio
 

Lettere a Lucilio

Autore: 

Lucio Anneo Seneca

Editore: 

Garzanti

Numero Pagina: 

2

Da quanto mi scrivi e da quanto sento, nutro buone speranze per te: non corri qua e là e non ti agiti in continui spostamenti. Questa agitazione indica un'infermità interiore: per me, invece, primo segno di un animo equilibrato è la capacità di starsene tranquilli in un posto e in compagnia di se stessi. Bada poi che il fatto di leggere una massa di autori e libri di ogni genere non sia un po' segno di incostanza e di volubilità. Devi insistere su certi scrittori e nutrirti di loro, se vuoi ricavarne un profitto spirituale duraturo. Chi è dappertutto, non è da nessuna parte. Quando uno passa la vita a vagabondare, avrà molte relazioni ospitali, ma nessun amico.

Ritratto di Staff

Grazie Flavia.

Ritratto di Barbara Antonacci

Grazie Flavia Smile

Ritratto di Flavia De Lioncourt

Scusate il ritardo! Le righe da me scelte non potevano non essere quelle di Barbara Antonacci. PLUTARCO. L'ARTE DI ASCOLTARE Smile

Ritratto di Staff

Ciao Flavia, potresti comunicarci le 10righe da te scelte? Grazie Smile

Ritratto di Staff

Ciao Flavia, sei nella finale settimanale di febbraio. Ricordati di scegliere 10righe che più ti piacciono partendo da oggi 8 febbraio a domenica 14 febbraio, riportando qui nei commenti il link. Grazie . Smile

Ritratto di Flavia De Lioncourt

Ciao Emma!! Sì, certo sono d'accordo con te! Io penso si riferisca al momento in cui ti approcci per la prima volta ad un determinato autore... E' anche vero che, almeno per me, leggere tutto insieme un autore solo, un po' stanca e devo diversificare! A presto Smile
Grazie Staff, grazie utenti!

Ritratto di Staff

Ciao Flavia, le tue 10righe sono nella classifica finale di febbraio, 10righe scelte da Voi utenti. Smile

Ritratto di Emma Aquilanti

trovo ottime queste righe e vere anche se penso che sia normale una curiosità, dopo aver tanto letto, di continuare a cercare fra i nuovi libri quello che eccelle ma che difficilmente può essere confrontato con i testi classici come quello qui proposto dell'immortale Seneca.

Pagine