Povera gente
 

Povera gente

Autore: 

Fedor Dostoevskij

Editore: 

Biblioteca universale Rizzoli BUR

Anno: 

2007

Traduttore: 

E. Perego

Numero Pagina: 

144

Ma il bel mattino di oggi, fresco, limpido, radioso, come di rado ce ne dà il nostro autunno, mi ha rianimata. Ecco l’autunno, ho esclamato con gioia. Come amavo l’autunno in campagna! Ero una bambina, ma già sentivo molto. La sera autunnale mi piaceva più della mattina. A due passi da casa, alle falde della collina, c’era un laghetto. Mi pare ancora di rivederlo: largo, levigato, lucido come un cristallo. Se la serata era calma, era calmo anche il lago. Sugli alberi delle rive non si muoveva una foglia, l’acqua era immobile come uno specchio. Che bell'aria fresca, frizzante! La brina cadeva sull'erba, qua e là per le capanne brillava un fuoco, le greggi tornavano. Allora io cheta cheta sgusciavo fuori di casa, correvo al mio lago e me nestavo incantata a contemplarlo.

Ritratto di Claudio Schermi

Anche nel mio libro descrivo l'autunno... sono belle queste tue righe.

Ritratto di Staff

Ciao Tiffany sei vincitrice 10righe scelte dalla redazione del mese di novembre per te un libro incentivo. Manda i tuoi dati all'indirizzo: libroincentivo@10righedailibri.it

Ritratto di tiffany.77

Grazie

Ritratto di Staff

Ciao Tiffany, sei nella classifica finale del mese di novembre.10righe scelte dalla redazione.

Ritratto di Staff

Fëdor Michajlovič Dostoevskij Mosca, 11 novembre 1821.