Trieste sottosopra
 

Trieste sottosopra

Autore: 

Mauro Covacich

Editore: 

Editori Laterza

Numero Pagina: 

90

Io giocavo con Sergio, Marina, Ada e tanti altri. [...] Facevamo un sacco di casino, però, non so come dire, sapevamo stare al nostro posto. Erano gli adulti i protagonisti della vita - non come adesso -; noi, il nostro casino, lo facevamo sempre ai margini della scena. Mangiavamo sul tavolino più piccolo, litigavamo, ci picchiavamo, ridevamo, sempre tra di noi. Dai nostri genitori avevamo tutte le coccole del mondo, ma nessuno si sarebbe sognato di andare a disturbarli mentre giocavano a carte o chiacchieravano. Nessuno si sarebbe sognato di svegliare il papà [...] per chiedergli di giocare. Non perché il papà fosse cattivo, semplicemente perché il papà decideva lui quando giocare e al momento dormiva, punto.Erano gli adulti ad avere l'orologio, erano loro a stabilire i tempi, frignare non serviva a niente.

Ritratto di Oliva

Grazie!

Ritratto di Staff

Ciao Oliva, sei nella finale settimanale di apriel, 10righe scelte da Voi utenti.

Ritratto di Oliva

Grazie, 10righe! Ho ricevuto l'agenda: è bellissima.