download (3).jpg
 

Un cervo in metropolitana

Autore: 

Desmond Morris

Editore: 

Mondadori

Anno: 

2017

Traduttore: 

Laura Serra

Numero Pagina: 

0

Alla base dell'astuccio c'era un cassetto poco profondo nel quale trovai alcuni vetrini di epoca vittoriana. Mi divertii a osservarli sotto la lente, ma in realtà erano gli esseri viventi che desideravo studiare e mi misi subito a cercarne qualcuno. Annesso alla proprietà di mia nonna c'era un laghetto e fu là che mi diressi, portandomi dietro un tintinnante armamentario di secchi, bottiglie e vasi in cui mettere il bottino di fango, melma e alghe. Appena arrivai, sguazzai nell'acqua bassa come un piccolo bufalo indiano, raccogliendo schifezze sferiche filamentose fino a riempire i contenitori. Trionfante, tornai al lucido microscopio di ottone e iniziai la tanto sospirata esplorazione dell'infinitamente piccolo. Ciò che vidi mi annichilì. Ero entrato in un regno segreto in cui i flagelli avevano un movimento ondulatorio, le ciglia battevano con regolarità le cellule si dividevano, le antenne erano articolate, gli organuli pulsavano.

Ritratto di miriobodano

Grazie, vi ringrazio molto.

Ritratto di Staff

Ciao sei nella classifica di marzo, 10righe scelte dalla redazione.